Per il nostro futuro, per il futuro degli italiani ma anche per il futuro di tutto il mondo non c’è che una soluzione, il buonsenso. Non abbiamo bisogno di uomini onesti, potrebbero essere stupidi. Né possiamo accontentarci di uomini intelligenti. La storia è piena di dittatori intelligenti, di ladri intelligenti, di assassini intelligenti. Abbiamo bisogno di uomini di buonsenso. Amministratori di buonsenso, politici di buonsenso, gente normale di buonsenso. Nessuna persona di buonsenso ruba, è troppo rischioso e nessuna persona di buonsenso cerca di occuparsi di cose di cui non capisce nulla. Insomma se tutti fossimo di buonsenso il futuro sarebbe roseo. A volte si scoprono aree di buonsenso, nicchie. E si scopre come potrebbe essere bella la vita se solo ne usassimo. Purtroppo sono più affollate le aree che ne sono prive. Vi faccio un esempio: alla stazione di Termini Imerese il bar è chiuso da sette anni. In quello della stazione di Milazzo da più di dieci anni. E non vi dico le condizioni della stazione stessa di Milazzo. In questi giorni sto girando per le strade siciliane. Al confronto quelle di Roma sono tavoli da biliardo. Una piccola frana, un metro cubo di terra, sulla strada da Collesano a Campofelice è lì, ferrea, da tre anni. Si aspetta l’appalto. Il buonsenso consiglierebbe di sbrigarsi, tanto prima o poi sono cose che vanno fatte. Niente. Nei giorni scorsi ho cercato di cambiare un biglietto dell’Alitalia. Mi sono stati chiesti 1100 euro per andare da Verona a Catania. Ho risposto: non grazie preferisco andare a Katmandu, costa meno. Il buonsenso avrebbe detto ad Alitalia che non è questa la strada per riconquistare fette di mercato.

[csf ::: 09:04] [Commenti]
Share
  

“Il buonsenso è la cosa meglio distribuita nel mondo poiché ciascuno pensa d’esserne così ben provvisto che anche coloro che più difficilmente si accontentano di ogni altra cosa non sogliono desiderarne più di quel che ne hanno”. Solo un genio poteva scrivere queste parole. Ed infatti l’autore di questo pensiero è Cartesio. E invece il buonsenso latita, come tutti sanno. Latita soprattutto in coloro che si presume dovrebbero averne di più. Pensate ai politici corrotti e agli industriali corruttori. Ormai dovrebbero averlo capito che i loro telefoni sono intercettati. Eppure continuano a parlare, a trattare, a offrire, a chiedere. Eppoi si lamentano e protestano contro i magistrati intercettatori. Ma che la smettessero di tramare al telefono! E in alternativa la smettessero di rubare se proprio non ce la fanno a tacere. E vogliamo parlare di tutti quelli che scrivono sciocchezze su twitter e poi sono costretti a chiedere scusa? Non lo sanno che twitter viene letto da tutti? Che cosa è venuto in mente alla simpatica Paola Saluzzi, conduttrice di Sky, donna che adoro, di scrivere su twitter che Alonso è un imbecille? Se proprio le scappava, che gli mandasse un bigliettino. “Scemo!”. E si era tolta il pensiero. E quel drittone del poliziotto della Diaz che pensa che “o si sta con quella merda di Giuliani o si sta con quelli che gli fanno saltare la testa”? Poteva dichiararlo in una intervista e poi tranquillamente smentirlo. No, lo ha scritto su Facebook. Ma che fine ha fatto il buonsenso? Cartesio!

[csf ::: 06:55] [Commenti]
Share