Un elegante balletto, un sofisticato intrattenimento, un simpatico incontro all’insegna di un eloquio ricercato e di un dibattito di alto livello. Ecco come sta diventando, pian piano, il pomeriggio della buona domenica sotto la guida, si fa per dire, di Paola Perego. In effetti Nina Moric, Maurizio Corona, Elisabetta Gregoraci, Massimo Maffei, Stefano Bettarini, Sara Varone sembravano dei baronetti alla corte della Regina d’Inghilterra che sorbendo un tè discutevano del deprecabile peggioramento dei costumi anglosassoni. Il giorno dopo, i quotidiani, togliendo giustamente spazio alla situazione internazionale, dedicavano lunghi articoli all’interessantissimo e delicatissimo scambio di vedute fra i tre gentiluomini e le tre gentildonne. Un unico difetto, inevitabile. Ad un certo punto la trasmissione è finita.

[csf ::: 11:21] [Commenti]
Share
  

La domenica, sì proprio la domenica, il giorno del Signore, il giorno che i timorati di Dio dovrebbero dedicare al riposo e al bene, ormai è dedicato al nuovo sport olimpico: la rissa in diretta. Ormai è un format. Prima si fa la rissa, poi si fa il dibattito sulla rissa che finisce in rissa, quindi si fa il dibattito sulla veridicità della rissa, del dibattito e in fondo della televisione tutta. Lotta continua, settimana dopo settimana. Finisce sempre con “Me ne vado”. Una domenica ho visto andarsene, uno dopo l’altro, Marina Lante, Vittorio Sgarbi, Claudio Lippi, Iva Zanicchi durante una trasmissione condotta, si fa per dire, da Paola Perego che ad un certo punto ha detto: “Me ne vado anch’io”. Dall’altra parte Massimo Giletti, in piena rissa, ha detto: “Basta, le risse le fanno a Canale 5”. Per questo potrebbe anche essere licenziato.

[csf ::: 08:07] [Commenti]
Share