Cercherò di dirlo educatamente, di dare libero sfogo ad insulti politicamente corretti. Calderoli è una persona che merita la sfiga più nera. Calderoli è una persona che la sua compagna dovrebbe cacciarlo di casa. Calderoli è una persona che gli amici dovrebbero prenderlo a schiaffi. Calderoli è una persona che se giocasse a calcio nessuno dovrebbe passargli la palla. Calderoli è una persona che quando sarà vecchio vecchio nessuno dovrebbe cedergli il posto in tram. Calderoli è una persona che se fosse sul punto di farsela sotto dovrebbe trovare i gabinetti tutti chiusi. Calderoli è una persona che a tennis dovrebbe perdere sempre 6-0 6-0 6-0. Calderoli ha un nome orrendo e una faccia che se la vedesse Lombroso scapperebbe via terrorizzato. Calderoli una volta, tanto tempo fa, ha espresso un pensiero sensato ma se ne è vergognato per tutta la vita. Calderoli da oggi in poi sarà una parolaccia. Gli uffici anagrafe sono subissati di domande di Calderoli che vogliono cambiare cognome. Un commercialista di Cernusco Lombardone, tale Pasquale Calderoli, ha ottenuto di chiamarsi d’ora in poi Pasquale Sonounpirla.
Ho fatto un sogno. Calderoli passeggia per via Condotti. Dal negozio di Bulgari esce un orango in smoking, tutto ingioiellato, che gli va incontro e gli sputa in un occhio. Ho fatto un altro sogno. Sempre lo stesso orango, dopo avergli sputato in un occhio, gli dice: “Mr Calderoli I suppose. You are a big pirla”.
ps. Sì lo so, ho scritto cose più raffinate. E allora?

[csf ::: 06:47] [Commenti]
Share
  

Eravamo giusto in attesa dell’ennesimo pentito. Ma che questo pentito potesse essere l’incredibile ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli non ce l’aspettavamo proprio. Semplificazione per Semplificazione l’uomo si è pentito per la maglietta con le vignette contro l’Islam. Si tratta di realpolitik, ha detto Calderoli facendo finta di capire quello che diceva. Ha detto anche, semplificando: è un passo indietro per il bene di tutti. Viva Gheddafi, viva il gas libico. La politica di Berlusconi ha pagato, dice il Grande Semplificatore Pentito. Mi chiedo: già che si pente, non potrebbe aggiungere alla pratica “pentimento” la “porcata”? E non si potrebbe pentire anche di tutte le sciocchezze dette sugli extracomunitari? E non potrebbe pentirsi di aver portato un maiale sul terreno dove avrebbero dovuto costruire una moschea? E un bel pentimento pubblico sul suo desiderio di castrazione chimica e di pena di morte? Semplifichiamo tutto: si penta di essere Calderoli.

[csf ::: 12:30] [Commenti]
Share
  

Una cosa incredibile e una credibilissima. Comincio da quella incredibile. Carlo Giovanardi ha detto una cosa giusta: “Bisogna regolarizzare le badanti”. Sono circa 500 mila in Italia. E adesso la cosa credibilissima. E’ intervenuto Roberto Calderoli, si fa per dire ministro, l’autore della famosa “porcata”, per dire le sue ovvie banalità razziste. E cioè che la maggior parte delle badanti sono finte e che in realtà si occupano di droga e prostituzione. Non contento di aver fatto il pieno quotidiano di sciocchezze ha detto anche che l’arcivescovo di Milano Dionigi Tettamanzi, che ha criticato il decreto sulla sicurezza, è un membro dell’opposizione (anche fosse, e allora?) e che chi non è regolare in Italia è perché non vuole, così non paga le tasse e i contributi. Di tutti i danni che ha fatto Berlusconi in Italia questo è uno dei più spettacolari: aver fatto diventare ministro Roberto Calderoli

[csf ::: 08:35] [Commenti]
Share