Caro Santo Padre, non me ne voglia se dal mio piccolo, dal mio infimo, oso rivolgermi a lei. Ma a forza di leggere di Vaticano, di preti, di vescovi, di pedofilia, di bambini molestati, di autorità ecclesiastiche che sapevano e tacevano, e insabbiavano, sinceramente ho voglia di parlarne un po’. Avrei continuato a leggere e a tacere se un giorno non avessi letto una sua lettera in cui riferendosi al reverendo Stephen Kiesle (reo confesso di molestie sessuali nei confronti di bambini, che chiedeva di essere ridotto allo stato laicale) lei si dimostrava molto preoccupato dei danni che una tale concessione avrebbe provocato alla comunità dei fedeli. Una lettera un po’ sorprendente così priva com’era di qualsiasi riferimento ad una analoga preoccupazione anche dei danni che il reverendo Stephen Kiesle aveva provocato a decine di bambini. Sono sicuro che mille spiegazioni si potranno trovare a questa lettera. Quello che mi ha sorpreso, però, è stata la reazione di quelli che vengono definiti gli “ambienti vaticani”. Tipo il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, che ha parlato di “una campagna orchestrata dai nemici della Chiesa”. Fosse stato il premier avrebbe parlando di un complotto dei giornali comunisti. Caro Santo Padre, come dice il proverbio, dagli amici la guardi Iddio.

[csf ::: 19:20] [Commenti]
Share
  

Sono sempre colto da un po’ di imbarazzo tutte le volte che leggo i “severi moniti” del Papa. Essendo un non credente tenderei a disinteressarmene. Ma poiché appartengo a questa società e conosco la capacità del Vaticano di influenzare le coscienze, presto attenzione. E quando Benedetto XVI interviene sulla fame nel mondo, sullo spreco di energie, sulla povertà e sull’analfabetismo mi viene subito da pensare: “Beh, mica male, l’uomo sa quel che vuole e lo dice con grande passione”. Ma poi, quando leggo l’appello contro “le speculazioni finanziarie” mi viene da chiedermi: “Qualcuno gli ha parlato dello Ior?”. Quando leggo che punta un dito severo contro “i flagelli della povertà estrema” penso: “La Chiesa ha deciso di smetterla di combattere l’uso del preservativo?”. E quando auspica un “equo processo di sviluppo integrale” mi chiedo se non pagare l’Ici, al contrario di quello che è successo finora alla maggioranza degli italiani, anche quelli poveri, sia alla base dello sviluppo integrale delle attività economiche e finanziarie della Chiesa che è proprietaria di mezza Italia immobiliare.

[csf ::: 08:28] [Commenti]
Share