Daniela Santanché si è scagliata contro il lusso e contro la sua ostentazione. Ha detto che ormai la Sardegna è in mano ai cafoni, agli arricchiti, ai parvenu. Ha detto che è ora di finirla. Ha detto che bisogna smetterla di andare al Billionaire. “Il Billionaire oggi andrebbe chiuso”, ha dichiarato Daniela. “Perché io mi sento a disagio, e mi vergogno, vedendo quanto la gente di questi tempi faccia fatica a campare”. Santa donna. Tardi ma se ne è accorta. Anche Briatore, il suo socio, si è finalmente reso conto che esistono i meno abbienti e che bisogna andare incontro alle crescenti difficoltà della gente. E’ diminuito il potere d’acquisto delle famiglie italiane? Bene, qual è il problema? Basta diminuire i prezzi. Anzi, si può fare di più. Si può istituire il menu a prezzo fisso. Detto fatto. Briatore ha dichiarato che d’ora in poi al Billionaire si potrà ordinare un menu turistico pagando soltanto 200 euro. Fa piacere poter constatare la sensibilità sociale di Daniela e l’apertura di Flavio alla classe operaia. Daniela sembra che abbia già piantato il suo ombrellone nella spiaggia libera di Torvaianica e Flavio, consultati i sindacati, ha deciso di diminuire anche il prezzo di una bottiglia di champagne. Frotte di extracomunitari si sono messe in movimento per approfittare della favorevole offerta.

[csf ::: 12:14] [Commenti]
Share